Lunedì, 06 Luglio 2020 (S. Maria Goretti vergine e martire)

Sei in: Rubrica Segnalazioni » La Galleria CULT di Alghero ha aperto all' AUSTRIA-Mentis2020: "Il Palazzo" di Katharina Copony a cura di Valentina Piredda-Sardinia.

  • mail

La Galleria CULT di Alghero ha aperto all' AUSTRIA-Mentis2020: "Il Palazzo" di Katharina Copony a cura di Valentina Piredda-Sardinia.

01/06/2020, 19:55

Valentina Piredda-Sardinia, inaugura  il mese di giugno con il ciclo di proiezioni  "e Roma stava tranquilla a guardare" in collaborazione con:  Forum Austriaco di Cultura/Roma, Land Salzburg, Ass. Fondo VP-Sardinia, Museo Casa Manno, Alghero,  Nemapress Edizioni.
 

"Il Palazzo" è un film documentario realizzato dalla cineasta indipendente Katharina Copony durante la sua residenza artistica a Roma.
La proiezione è supportata dall'esposizione di fotografie dal set e fermo immagine.
Così leggeva nel  2006 il film Lina Launhardt: " (...) Ispirato alla visione di Le Corbusier di una città verticale, l'edilizia popolare fu costruita nella periferia di Roma dalla metà degli anni '70 ai primi anni '80. Si trova come un monolite in un paesaggio aperto, vi abitano circa 8000 persone, non è mai stato completamente completato. L'edificio è il simbolo di un'utopia architettonica fallita, così come è espressione di una società emarginata.
“Il Palazzo” è anche il titolo del documentario di Katharina Copony sul gigante, i suoi abitanti e la loro storia condivisa. L'edificio ha dato ai suoi abitanti la promessa di uno spazio abitativo urbano ed è la grande fortuna di questo film che trova spazio e spazio per i suoi quadri e le sue storie.
Le ambientazioni sotto forma di collage degli assi visivi dell'edificio, la sua facciata fatiscente, i corridoi infiniti, la sua inospitalità, si intrecciano sempre più con le prospettive dei residenti sul loro spazio di vita. Le voci parlano fuori campo, non ce ne sono molte, ma la loro composizione è rappresentativa. Ad esempio, raccontano dell'espulsione dal centro di Roma a causa di una nuova legge di risoluzione all'inizio degli anni '80. Parlano dell'occupazione del quarto piano, che originariamente era inteso come una "città interna" con una galleria commerciale. Si sente parlare di una lotta per una scuola vuota, che ora è un centro per anziani, costruito dagli abitanti, e uno dei pochi punti di incontro sociale.
Le voci rimangono anonime, dietro la facciata, ad eccezione di quella che appartiene a un uomo più anziano e che è arrivato a Corviale come molti nei primi anni '80. La telecamera continua a seguirlo mentre attraversa l'edificio, puoi vederlo mentre pulisce piante verdi su ringhiere e balconi decorativi, nutre i piccioni o si prende cura dei gatti selvatici. Puoi anche lasciare l'edificio con lui e vederlo mentre cammina in campi aperti che incontrano direttamente la facciata dell'edificio posteriore. I flussi narrativi del film si condensano nel suo personaggio, proprio mentre cerca di superare la contraddizione di questo luogo e riempirlo di vita.
"Il Palazzo" è più di uno studio ambientale o un inventario di un'utopia fallita. È anche un film sull'appropriazione e l'utilizzazione di un luogo che è da tempo passato alla storia come non-luogo, ma che rappresenta ancora l'attuale quadro della vita per i suoi abitanti
".

Gli spazi della Galleria Cult sono dotati di due ingressi sui Bastioni che permettono l’entrata e l’uscita in sicurezza.

Fino al 10 giugno sarà possibile assistere alla proiezione con distanziamento previsto, tutti i giorni: dalle 17.00 alle 24.00.

Altri orari anche su appuntamento con mail a: galleriacult@gmail.com
Galleria CULT - Bastioni Marco Polo 39a/b - Alghero

Foto © Katharina Copony, Il Palazzo, 2006

 

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter