Sabato, 13 Agosto 2022 (SS. Ponziano e Ippolito martiri)

Sei in: Rubrica La Poesia, I Poeti » ANTONIO SPAGNUOLO: UN AMORE SENZA FINE PER LA POESIA

  • mail

ANTONIO SPAGNUOLO: UN AMORE SENZA FINE PER LA POESIA

24/07/2022, 21:44

Scrivo dell’ultimo libro di poesie di Antonio Spagnuolo “Proiezioni al crepuscolo” (Macabor ,2022) quasi a ridosso del giorno del suo compleanno, compleanno importate poiché è nato il 21 luglio del 1931.
 

Con una così lunga testimonianza di amore e fedeltà alla poesia, questa silloge non poteva che iniziare con la sezione “Memorie”, dove parole come solitudine, autunno, silenzio, fanno capolino in versi non chiusi né narcisistici, ma di una realistica e quotidiana descrittività dentro e fuori della propria esistenza. Ecco pertanto l’inclusione della splendida “Kabul 2021” fino a “Labirinto” che evoca emozioni in cui tutti si possono riprovare.
 

Lo sguardo poetico di Antonio Spagnuolo incontra le altre arti, soprattutto quella pittorica di Maria Pia Daidone cui è dedicata la seconda sezione “Visioni” che di Napoli ricorda un’altra icona, Totò.
 

Ma è la terza parte della silloge, intitolata “Carteggi” a conservare l’essenza stessa della poesia di Antonio Spagnuolo . Carteggi soprattutto conchi non c’è più a cui Spagnolo ha dedicato sillogi e poesie indimenticabili.
“Inciso tra le lacrime il tuo nome/ritorna a tratti inaspettatamente(Indugi) o “Nell’abbraggio più forte dei marosi/sarai per sempre la mia eroina” (Addio).
I versi di Antonio Spagnuolo ci fanno capire quanto la poesia può fare compagnia, può evocare presenze, lenire solitudini, riempire silenzi.
Infondo sono i sentimenti  e le bellezze della vita che si intravedono tra le sue parole, comunque e  nonostante le pene dell’esistenza.

 

Così possiamo sperare come Antonio Spagnuolo che dopo il tragitto degli anni troviamo ancora chi ci ha amato, chi amiamo: “Senza armare di violenza la ano/al bagliore di un giaciglio/c’è qualcosa ce luccica;/tanto breve è il tragitto degli anni,/quasi un ricciolo del dolore/nel bienigno riflesso delle mie dita spente.” (Le mie dita).
 

Per chiudere, ottima la decisione editoriale di  pubblicare le note sull’Autore esaurienti per quantità di informazioni su pubblicazioni e giudizi critici.

NERIA DE GIOVANNI

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter