Lunedì, 30 Marzo 2020 (B. Amedeo di Savoia)

Sei in: Rubrica Grazia Deledda » GRAZIA, TRA LE GRANDI DONNE CHE HANNO FATTO L'EUROPA, E NON SOLO...

  • mail

GRAZIA, TRA LE GRANDI DONNE CHE HANNO FATTO L'EUROPA, E NON SOLO...

E Galtellì, la Galte di “Canne al vento”, sta giustamente promuovendo a livello internazionale, un Concorso letterario e una settimana di eventi.

27/06/2015, 11:55
Grazia Deledda

L’identità culturale dell’Europa sta alla base della motivazione ad essere di un’unione di Stati che unificano moneta , circolazione di merci e persone, abbattono frontiere, perché si sentono vicini e soprattutto vedono in un futuro senza guerre l’unica possibilità di sviluppo e crescita.

L’Unione Europea così come l’abbiamo raggiunta oggi non ha soltanto “padri” riconosciuti a livello storico e politico , ma anche “madri” cioè figure femminili la cui conoscenza è purtroppo annebbiata da una sorta di silenzio che ha spesso coperto tutta la produzione sociale , professionale, storico-culturale delle donne.

Eppure in una Europa che si è fatta bandiera delle pari opportunità e della lotta contro tutte le discriminazioni, non ci può essere più una conoscenza dimezzata , confinata a quello che in termini numerici non può più definirsi neppure “metà del cielo” in quanto la popolazione femminile in tutta Europa e nei singoli Stati  ha ormai superato quella maschile.

Bisogna dunque colmare un vuoto di informazione facendo conoscere la vita e le opere di grandi donne la cui biografia travalica i confini nazionali per essere di modello e ausilio almeno a tutta l’Europa se non , come nel caso di Grazia Deledda, a tutto il mondo.

Le figure femminili, Madri d’Europa, occupano uno spettro temporale dal Medio Evo ai giorni nostri, appartengono a diversi Paesi ed evidenziano la coralità e l’intenzionalità di una coscienza e cultura europea che queste donne, con il loro operato, hanno contribuito a formare.

Le donne grandi, in questo caso la Madri d’Europa, ci sono e ci sono state: è sempre una questione di cattiva informazione se il grande pubblico non le conosce ancora.
E soltanto per fare un primo elenco:

• EGERIA  , IV secolo (Spagna)

• AMALASUNTA VI secolo (Germania-Italia)

• ELEONORA D’ARBOREA  XIV secolo (Italia-Sardegna)

• ILDEGARDA DI BIRGEN XI secolo (Germania)

• SANTA CATERINA XIV secolo (Italia)

• CRISTINA DI SVEZIA XVII secolo (Svezia-Italia)

• ELEONORA FONSECA PIMENTEL XVIII secolo (Italia -Napoli)

• ARTEMISIA GENTILESCHI  XVII secolo (Italia- Lazio)

• EDITH STEIN XX secolo (Germania)

• MARIA MONTESSORI  XX secolo (Italia)

• VALENTINE DE SAINT POINT  XX secolo (Francia)

• FRANCA FLORIO  XX secolo (Italia- Sicilia)

• MADRE TERESA DI CALCUTTA  XX secolo (Albania)

• MARIE CURIE (Francia)

Nell’elenco, in bella mostra, figura anche la nostra Grazia Deledda che un intelligente progetto a Galtellì, la Galte di “Canne al vento”, sta giustamente promuovendo a livello internazionale, con un Concorso letterario e una settimana di eventi.

Di cui scriverò presto…
 

Neria De Giovanni

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter