Lunedì, 30 Marzo 2020 (B. Amedeo di Savoia)

Sei in: Rubrica Grazia Deledda » MA PERCHE' HANNO DATO IL NOME DI GRAZIA DELEDDA AD UN IMPIANTO TERMOELETTRICO?

  • mail

MA PERCHE' HANNO DATO IL NOME DI GRAZIA DELEDDA AD UN IMPIANTO TERMOELETTRICO?

19/04/2015, 13:45
Grazia Deledda

Assistevo in questi giorni ad una interessantissima conferenza su “L’alternativa alla cultura dello scarto e delle scorie” . Abbiamo appreso dati allucinanti circa la salute messa a rischio in Sardegna dagli impianti di produzione di energia elettrica con combustibile a carbone. Le soluzioni alternative mirano soprattutto all’utilizzo delle energie rinnovabili come quella eolica, o idrica o solare. Energie pulite, appunto.

Uno dei relatori ci ha illustrato la situazione delle Centrali termoelettriche in Sardegna, da Porto Torres, ad Ottana, alla Saras di Portoscuso, al Sulcis. E qui la sorpresa: non potevo credere alle mie orecchie quando ho sentito che l’Ente di Produzione centrale del Sulcis è stato chiamato “Grazia Deledda”.

Esterrefatta domando il perché. Il Sulcis infatti è una regione a sud della Sardegna molto lontana dalla nativa Barbagia e soprattutto che cosa ha a che fare il nostro Premio Nobel con la produzione ad alto rischio dell’energia che non può più definirsi “pulita”?

La risposta è stata altrettanto scioccante: quando si vuole dare il nome ad una cosa negativa o la si chiama con un nome “poetico” e importante, come il caso della Deledda, oppure la si nasconde dietro un termine esotico, magari inglese, che non tutti comprendono!

Ma chi e perchè ha avuto l’idea di chiamare così un impianto termoelettrico? Come risulta dal provvedimento del Ministero dell’Ambiente del 31.10.2011…

Neria De Giovanni
tags

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter