Lunedì, 01 Giugno 2020 (S. Fortunato martire)

Sei in: Rubrica Grazia Deledda » "I LIBRI E I GIORNALI SONO I MIEI AMICI E GUAI A ME SENZA DI LORO"

  • mail

"I LIBRI E I GIORNALI SONO I MIEI AMICI E GUAI A ME SENZA DI LORO"

07/04/2020, 19:38
Grazia Deledda

Figurati dunque tu una ragazza che rimane mesi interi senza uscire di casa; settimane e settimane senza parlare ad anima che non sia della famiglia; rinchiusa in una casa gaja e tranquilla sì, ma nella cui via non passa nessuno, il cui orizzonte è chiuso da tristi montagne; una fanciulla che non ama, non soffre, non ha pensieri per l’avvenire, non sogni né buoni né cattivi, non amiche, non passatempi, non innamorato, nulla infine, nulla, e dimmi come può essa fare a non annojarsi. I libri...i giornali...il lavoro...la famiglia! I libri e i giornali sono i miei amici e guai a me senza di loro” .
 

Così scriveva Grazia Deledda il 23 febbraio del 1892 ad Epaminonda Provaglio,  direttore delle riviste della casa editrice romana Perino.
 

Grazia ha 21 anni e descrive se stessa nella sua Nuoro e in famiglia.
 

In questo nostro tempo di chiusura casalinga e di azzeramento di contatti sociali e personali diretti, mi è venuta in aiuto la nostra Deledda con questa lettera.
Lei, mesi e mesi rinchiusa in casa perché le signorine di buona famiglia non potevano certo allontanarsi per lavorare o studiare o per svolgere una qualsiasi attività sociale al di fuori della chiesa, ma la mattino presto e sempre accompagnata dalla serva, o in campagna con il fratello.
I volti sono quelli della famiglia, le sorelle, i genitori, i fratelli e, come ci ricorda in “Cosima”, il romanzo autobiografico postumo del 1936, anche le serve.

 

Ma i veri amici, quelli che nutrono le lunghe giornate di noja (parola che riecheggia spessissimo nel corpo della lettera) e di solitudine, sono i libri e i giornali.
 

Con quanta riconoscenza leggo queste parole e le offro a tutti i lettori del portaeletterario.net che in questa nostra inusuale quarantena hanno riscoperto il piacere della compagnia di un libro, di carta o anche digitale, secondo la disponibilità di ognuno.
Certamente Grazia Deledda ha saputo ben utilizzare quelle lunghe ore di chiusura casalinga, ha studiato, letto moltissimo, imparato a scrivere l’italiano come si fa con una lingua straniera, lei che parlava e scriveva in sardo.

 

Per lei quei lunghi giorni, mesi non furono vuoti o sprecati ma l’aiutarono a riempire di cultura i suoi sogni e a preparare solide fondamenta per il futuro di gloria letteraria che si prefiggeva.
 

Un bell’augurio, non vi pare?

NERIA DE GIOVANNI

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter