Venerdì, 07 Agosto 2020 (S. Gaetano sacerdote)

Sei in: Rubrica Grazia Deledda » LA STREGA DI NUORO E LA CAMPANA DELLA CHIESA DELLA SOLITUDINE DOVE GRAZIA DORME

  • mail

LA STREGA DI NUORO E LA CAMPANA DELLA CHIESA DELLA SOLITUDINE DOVE GRAZIA DORME

05/03/2020, 13:10
Grazia Deledda

Grazie al web ho letto nei giorni scorsi un'interessante intervista allo studioso Salvatore Pinna su “Cronache nuoresi”  a firma di Fatima Becchere che ringrazio per questa importante segnalazione.
Allora, secondo quanto afferma il Pinna “La scoperta più eclatante è stata fatta grazie a Raffaele Cau, mio amico e genealogista, che mi ha indirizzato verso la campana della Chiesa della Solitudine dove in catalano ho trovato la data della realizzazione, 1622 ed il nome di chi l’ha commissionata: Pedrìta Basigheddu. L’opera è stata realizzata da Juan Pira, un famoso artigiano campanaro ed è costata non meno di 150, 200 lire, una somma ingente per quell’epoca.
La campana colloca la Chiesa tra quelle più antiche della città e chiarisce i dubbi sul nome : Sancta Maria de la Soledat è infatti un titolo Mariano tipicamente spagnolo, che non nulla ha a che vedere con l’isolamento geografico in cui si trovava.
Con ogni probabilità, la campana è un ex voto della nostra concittadina seicentesca, per la sua liberazione e per aver scampato la morte al rogo.

Si tratta dell’unica campana in Sardegna e probabilmente a livello nazionale ad essere stata fatta realizzare da un ex inquisito.”

Infatti Pedrìta era stata accusata di stregoneria in quanto, come molte curandere, preparava unguenti a base di erbe. Chiusa nel castello aragonese di Sassari finì in mano all’Inquisizione ma ne uscì viva. Se, come ipotizzato da Salvatore Pinna , la campana è un ex-voto per essersi salvata dal rogo, mi è parso subito importante segnalare questa presenza femminile magica proprio nella Chiesa della Soledad dove Grazia  Deledda dorme nel semplice sarcofago di nero basalto.
 

Niente è a caso. Quella chiesa fu scelta anche perché è il titolo ed il luogo dell’ultimo romanzo che Grazia Deledda pubblicò in vita, La chiesa della solitudine, appunto. Maria Concezione ne è protagonista, malata dello stesso cancro al seno di cui la nostra Grazia morirà nel 1936.
Donne, ancora donne, e la sacralità del femminile ad onorarla anche con la voce di una campana... 

NERIA DE GIOVANNI

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter