Sabato, 05 Dicembre 2020 (S. Saba abate)

Sei in: Rubrica CoLibrì » MARIA VERONICA LEON VEINTEMILLA , “UNA FORZA DELLA NATURA”

  • mail

MARIA VERONICA LEON VEINTEMILLA , “UNA FORZA DELLA NATURA”

15/06/2015, 12:03
2014

Ho conosciuto Maria Veronica nel 2007, durante l’organizzazione  del Padiglione “America Latina” alla 52^  Biennale Internazionale d’Arte di Venezia. Di questa giovane e talentuosa artista ecuadoriana, mi colpì subito l’energia unita alla  gentilezza, l’allegria contagiosa e  la disponibilità ad aiutarci durante i lavori di allestimento  di uno spazio  prestigioso ma difficile, come quello del Collegio Armeno.Il critico d’arte Marc Debergh, in un suo catalogo, la presentava così: “……ecco la conferma di un nuovo talento che si colloca su basi classiche con intense proiezioni creative. Maria Veronica, una delle  grandi artiste del nostro tempo,donna di spirito ultrailluminato che compone un simbolico triangolo lirico ed espressionista tra le visioni europea e amerindia e la nuova arte di amare il mondo per rigenerarlo ed andare oltre……"

A distanza di otto anni, Maria Veronica Leon, superando le più ottimistiche  aspettative, grazie al suo impegno e al suo lavoro titanico, è stata di nuovo invitata alla Biennale di Venezia a rappresentare il suo amato  Ecuador, che è presente  a Venezia con un suo Padiglione, per la prima volta, nella  storia della Biennale.

Nei grandi  spazi del Padiglione dell’Ecuador, Maria Veronica ha allestito la sua opera  spettacolare :“Oro y Agua: Espejos Negros Apocalipticos”.

L’intensità dell’Oro  e la traslucidità dell’Acqua  sono sempre stati  soggetti preferiti da  Maria Veronica  che,  in questa edizione della biennale,  vengono riproposti in un incredibile e affascinante panorama multimediale.  Installazioni audio-visive con disegni, video, foto e oggetti di varia natura:  un “Tecno- Teatro” dove acqua e oro,-  due delle fonti naturali primarie di ricchezza dell’Ecuador e del mondo- sono estrapolati dal  loro contesto originale e riesaminati criticamente attraverso la storia, la società,l’economia e la cultura. L’oro e l’acqua,  questi due elementi così preziosi, una volta ritenuti inesauribili, sono ora, grazie all’opera dell’uomo, considerati a rischio . In una realtà quasi “apocalittica” Maria Veronica rappresenta , con immagini e suoni , “l’irruzione dell’industria high-tech nell’animo degli esseri umani. Guardando le sue opere  si immaginano realtà presenti e future,  con l’umanità che risorge dai disastri creati nei tanti secoli di distruzione della natura. Uno spiraglio di speranza per il nostro futuro."

Maria Veronica Leon è una giovane donna affascinate e colta . Ha viaggiato moltissimo. Ha vissuto molti anni a Parigi e attualmente vive a Dubai. Un’artista che nel suo aspetto racchiude  molte  caratteristiche del suo paese natale.L’Ecuador infatti  è un paese con grandi bellezze naturali,  montagne innevate, boschi, fiumi impetuosi, laghi cristallini , mare smeraldino vallate fertili,  montagne che non raggiungono altezze  esagerate  dove  i vulcani sono divinità tutelari anche se minacciose.

“Acqua d’Oro: Neri Specchi  Apocalittici” è una bella mostra che vi invito a visitare. Il Padiglione dell’Ecuador, come tutta la Biennale  di Venezia rimarrà aperto fino al 22 di novembre . Prossimamente, sarò in grado di presentarvi in rete  un prezioso video che con il Team di MultiOlistica abbiamo realizzato a Venezia su Maria Veronica e la sua opera.

 

Alessandra Bonanni
Foto (1)

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter