Lunedì, 24 Giugno 2024 (Nativit. di S. Giovanni)

Sei in: News » Arte e Cultura » Catena Fiorello Galeano, la “picciridda”, ci racconta Ciatuzzu, dalla Sicilia alle miniere del Belgio, di Neria De Giovanni

  • mail

Catena Fiorello Galeano, la “picciridda”, ci racconta Ciatuzzu, dalla Sicilia alle miniere del Belgio, di Neria De Giovanni

24/05/2023, 12:01 | Arte e Cultura

Ci vuole molta bravura e capacità letterarie per reggere quasi un terzo del romanzo raccontando le visite al cimitero di un ragazzino che si reca presso la tomba della madre da poco deceduta.
Ci vuole la bravura che Catena Fiorello Galeano dimostra ancora una volta con Ciatuzzu (Rizzoli, pag. 270, 18 euro).
Il successo di centinaia di lettori in tutta Italia dimostra ancora una volta che scrivere bene, in un italiano non sciatto, può fare la differenza, insieme ovviamente alla storia che si è deciso di raccontare.
La vicenda di Ciatuzzu colpisce per la sua veridicità e perché ci racconta un periodo che molti italiani, nella fattispecie siciliani, hanno vissuto, l’emigrazione perchè spinti dal bisogno, un’emigrazione che ha caratterizzato le nostre terre, diversa dalla ricerca del lavoro dei cervelli giovani e superdottorati di oggi.
Ciatuzzu è il diminutivo affettuoso con cui Sebastiano era chiamato dalla madre: “Me mamma mi chiama Ciatuzzu, me nonna picciriddu, me padri Nuzzo, e i me frati canciunu sempri. Certi voti Iannuzzu, autri Nuzzittu. Ma u me veru nome é Sebastiano”.(pag.51).

La madre è presenza-assenza in tutto il libro perché il figlio ripercorre, come narratore in prima persona,  davanti alla tomba e poi in Belgio con il padre minatore, la vita adulta della madre, scoprendone segreti nascosti per tanto tempo.

Una storia di formazione, quella del bambino che attraversa l’infanzia da orfano e poi viene richiamato dal padre in Belgio dove la dura vita della miniera è rievocata soprattutto attraevrso i rapporti personali, spesso solidali, che si intrecciano tra emigrati.
Grazie alla felice intuizioni narrativa di Fiorello Galeano noi lettori riviviamo anni delle nostra storia nazionale, perché attraverso la vita dei personaggi si incorniciano gli avvenimenti, i fatti storici del nostro recente passato, su tutto il disastro di Marcinelle, ma anche il terriorismo, il boom economico, la modernizzazione, ecc.
Dalla Sicilia, dal paese sul mare di Leto, alle fredde miniere del Belgio, Ciatuzzu conosce la vita studentesca, le contestazioni, la vita sindacale, finoa  a laurearsi e , come si dice, mettere su famiglia. Una storia come tante e proprio per questo così vicina a noi lettori: i rapporti con i nonni, l’amore di gioventù ritrovato, i segreti familiari di un amore mai vissuto interamente, il sacrificio del padre che non si rifa una vita “ufficiale” con la compagna per non turbare i figli. La famiglia la centro della narrazione in tutte le sue relazioni e diramazioni.
Questo ed altro ancora in storie “minime” ma veritiere, con uno sforzo linguistico riuscito: i personaggi siciliani, soprattutto gli anziani  nonni ma anche i vicini di casa, gli amici,  parlano nella loro lingua materna, il siciliano appunto. E le espressioni dialettali sono perfettamente inserite nel dettato narrativo tanto che il lettore non fa fatica a seguirne il significato.
Ma il colpo da maestro, anzi da maestra, Catena Fiorello Galeano lo mostra nel capitolo conclusivo con una frase che lascia intendere che il Ciatuzzu sia un ragazzo veramente conosciuto, e fors’anche il primo amore, di Lucia, personaggio che dice io e si nomina come “picciridda” , rievocando il romanzo autobiografico di Catena: “Ciatuzzu e picciridda. Ci chiamavano così. Al suono di questi nomignoli il cuore ha un sussulto. Ti voglio bene, Nuzzo. Finalmente l’ho detto”. E così Lucia, picciridda, saluta il suo amico Ciatuzzu.

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

 

NERIA DE GIOVANNI
Foto (1)

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter