Giovedì, 25 Febbraio 2021 (S. Cesario di Nazianzo)

Sei in: News » Arte e Cultura » La verità dei sensi, sentire la vita: Claude-Oscar Monet, di Elsa Baldinu

  • mail

La verità dei sensi, sentire la vita: Claude-Oscar Monet, di Elsa Baldinu

a 180 anni dalla nascita (14 novembre 1840)

14/11/2020, 12:57 | Arte e Cultura

Cosa c’è di più autentico di un’impressione? Sì, perché la realtà oggettiva – la famigerata “cosa in sé” espressa dal noumeno kantiano (Critica della ragion pura, 1743) – è fuori dalla portata umana. Ci si affanna a comprendere l’incomprensibile, un fantasma sfuggente nel castello del tempo: il fenomeno – l’intuizione sensibile del reale – è tutto ciò che l’uomo possiede. Ecco che, se si tenta di trattenerlo, il mondo scivola tra le dita; al contrario, ogni qualvolta se ne contempli l’essenza, questo dischiude il proprio segreto, come un’ostrica la propria perla.  
 

Chi, se non Monet, ha nobilitato i sensi con la propria arte? Adolescente scanzonato dedito alle caricature, Claude-Oscar scopre ben presto la vocazione paesaggistica: complice la compagnia di Eugène Boudin – suo primo maestro – e il vivace ambiente parigino – che gli offre l’amicizia di Manet, Renoir e Sisley –, Monet sviluppa un metodo rivoluzionario, in rotta con l’accademia dei Salons. Fedele a un inedito panteismo pittorico, dove soggetto e spazio hanno pari dignità, egli fonde nel proprio tratto le mille anime dell’universo, con lo sguardo proteso alla mutevolezza delle cose: se tutto scorre, come attesta il panta rei eracliteo, il pittore non ne ostacola il flusso, ma studia il divenire con saggezza, documentando la propria esperienza visiva.
Luce vibrante e colore puro, pennellate distinte, pittura “en plein air”: questi i postulati della nuova arte, che dà voce all’impressione prima che intervenga l’intelletto a intaccarne l’immediatezza. Si pensi alla tela che dà il nome al movimento, Impressione, sole nascente (1872), esposta nel 1874 alla mostra che consacra il gruppo: un’alba dai riflessi ovattati sulle acque portuali di Le Havre. Lo spettatore viene cullato da un’atmosfera onirica, da forme abbozzate e contorni sfumati. L’inconfondibile tocco impressionista, che a una certa prossimità appare disgregante, sorprende a debita distanza: ecco che la tela restituisce una visione d’insieme, persino più veritiera del cosiddetto realismo.

L’impressione è il primo e solo approccio alla realtà, i sensi gli unici mezzi di cui dispone l’uomo per fruire la vita: se non si può conoscere l’obiettività delle cose, se ne può invece ammirare la bellezza, come accade ne I papaveri (1873), in cui la scia di macchie rosse sul verdeggiante prato di Argenteuil racconta una bucolica e spensierata quotidianità, fino ad allora esclusa dal canone.
Persino l’architettura, nell’incontro con la luce, ha da offrire una preziosa lezione: le trentun versioni della Cattedrale di Rouen mostrano la pluralità del singolo, in balia delle condizioni esterne. Non ci si bagna due volte nello stesso fiume, dice il filosofo di Efeso: Monet subisce il fascino del cambiamento, ne apprezza le sfumature, coglie il nuovo nell’ordinario.

 

Che dire, infine, delle innumerevoli riproduzioni di ninfee – fiori itineranti dallo spirito impressionista –, dei covoni delle campagne di Giverny, delle vedute normanne innevate: la natura sa stupire, se accolta con genuina predisposizione, il creato si concede a chi lo sa osservare.
 

L’impressionismo – questo l’insegnamento del suo più fedele seguace – è, prima di tutto, un sentire la vita senza la pretesa di comprenderla, così da comprenderla appieno, paradossalmente.

ELSA BALDINU
tags
Foto (1)

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter