Lunedì, 06 Luglio 2020 (S. Maria Goretti vergine e martire)

Sei in: News » Arte e Cultura » A Monza il Primo Festival della poesia online

  • mail

A Monza il Primo Festival della poesia online

12/06/2020, 11:41 | Arte e Cultura

La Casa della Poesia di Monza organizza la prima edizione del Festival della Poesia di Monza 2020 in versione online con il tema : “Poesia, nostra contemporanea”.

Su invito parteciperanno poeti e critici letterari italiani molto in vista nel panorama poetico contemporaneo, tra cui Giuseppe Conte,Valerio Magrelli, Donatella Bisutti , Vivian Lamarque, Francesco Solitario, Gerardo Masuccio, Giancarlo Pontiggia, Stefano Raimondi, Maria Grazia Calandrone, Davide Ferrari, Ottavio Rossani, Luigia Sorrentino, Andrea Galgano, Massimo Morasso, Guido Oldani e Giuseppe Landonio. 

Dopo il lungo periodo di pandemia sarà importante ascoltare anche le loro testimonianze.

Ecco il programma delle due giornate del Festival che si attiverà il 27 e 28 giugno attraverso il canale youtube e sulle pagine social facebook, instagram e twitter dell’associazione.

Tutti i contributi saranno pubblicati in una raccolta di pregio e a tiratura limitata dalla casa editrice Prometheus.

"La nascita del festival, oggi più che mai, scaturisce dal bisogno di ripensare al senso, al valore e al ruolo che la POESIA riveste in questo difficile momento storico.- ha dichiarato Antonetta Carrabs, ideatrice del Festival e presidente della Casa della Poesia di Monza-  Non dimentichiamo che la poesia è figlia della sua epoca e che la sua prima verità è sempre testimoniale. La nostra contemporaneità si carica sempre più di inquietudine: il mondo in cui viviamo è andato accrescendo il suo potenziale autodistruttivo; emergono nuove paure generate dai cambiamenti climatici, dalle minacce pandemiche, dal terrorismo fondamentalista. In un’epoca di cambiamento come la nostra, quale soccorso può venire dalla poesia? Quale forza o risposta la poesia può fornire all’uomo di fronte al dolore di questi giorni? Quale nuova lezione sul valore del tempo, del silenzio, della precarietà dell’esistenza la poesia può insegnarci? È illusorio pensare che la poesia possa aiutarci a concentrarci sull’essenziale e a ritrovare, se non il senso, almeno un indizio luminoso che ci aiuti a mantenere la meraviglia verso il mondo e a vivere il valore dell’altro come risorsa? Questi sono solo alcuni degli interrogativi che sono emersi nel periodo del lockdown e che ci accompagnano in questa ripresa verso la normalità a contatto con la vita di tutti i giorni. In questa contemporaneità la voce dei poeti e degli intellettuali può di sicuro contribuire a promuovere quel dialogo fra le culture per la costruzione del grande ponte. Solo così può incominciare il viaggio".

 

 

 

Foto (1)

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter