Venerdì, 19 Aprile 2019 (S. Leone IX papa)

Sei in: Rubrica La Poesia, I Poeti » DOPO CIVITAVECCHIA, SI TERRA' AD EBOLI LA "FESTA DELLA POESIA" PER ROCCO SCOTELLARO

  • mail

DOPO CIVITAVECCHIA, SI TERRA' AD EBOLI LA "FESTA DELLA POESIA" PER ROCCO SCOTELLARO

03/01/2019, 11:27

Chi ha paura di Scotellaro? L'ambiguità con la quale la Giunta comunale di Tricarico, capeggiata dal sindaco Antonio Melfi, ha deliberato, ancora una volta, contro la reintitolazione della Biblioteca comunale a Rocco Scotellaro, riproposta in aula il 19 dicembre scorso, dalla consigliera di maggioranza Antonella Primavera, in disaccordo con il Sindaco e sostenuta delle opposizioni, pone interrogativi che vanno ben oltre le cronache cittadine del Comune di Tricarico perché, francamente, non si riesce a comprendere a che gioco stia giocando il Sindaco del paese lucano, sordo a tutti gli appelli e che a Scotellaro deve quasi tutto.
 

Da quel 19 dicembre, nefasto per i cittadini di Tricarico e per la cultura italiana, su quel Comune è calato una cappa di piombo. Ma il Sindaco se ne va fiero, chiuso nella sua solitudine, convinto che la sua Giunta abbia adempiuto ad un atto deliberativo sostenuto dai numeri e dalle regole della democrazia, mentre l'Italia tutta riscopre Scotellaro, la sua figura universale, e lo ama, e lo celebra nella sua giusta luce.
 

Come faranno poeti e studiosi che, da tutta Italia, nel prossimo mese di marzo, si ritroveranno ad Eboli - luogo cantato da Scotellaro nel suo 'Contadini del Sud' - in occasione della Festa della Poesia Italiana, seconda edizione.

FRANCESCO AGRESTI

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter