Martedì, 21 Agosto 2018 (S. Pio X papa)

Sei in: Rubrica La Poesia, I Poeti » UNA DELICATISSIMA RACCOLTA DI VERSI, COME UN LUNGO VIALE DI FIORI

  • mail

UNA DELICATISSIMA RACCOLTA DI VERSI, COME UN LUNGO VIALE DI FIORI

04/01/2018, 15:59

Inutile cercare Revery Edizioni su internet. Il logo, con il trifoglio leggero a sottolineare il nome della casa editrice, sembra essere più raro di un quadrifoglio. Me lo aveva detto Monica Infantino, editora e curatrice della grafica del bel libro di poesie di Erika Sartori, Camminando nel mio giardino.

Non essere su internet è una scelta precisa. Significa non sottrarre tempo, ma curare ogni particolare dando a ogni pagina “il suo tempo”. Significa non alzare la voce ma sussurrare la strada che conduce al tesoro. E si vede bene, si tratta di un libro delicatissimo e curato. La copertina calza perfettamente il titolo e accompagna il lettore come lungo un viale di fiori e di piante che sono le pagine, le poesie, i versi.

Rimango stupita nel leggere la risposta ai miei pensieri: l’introduzione al libro si intitola proprio “Sottovoce”.  E’ così. Ogni pagina è un alito di vento, una brezza leggera. E su tutto il colore si stende liquido, a volte vivace, altre tenue,  ma sempre  pieno di “visioni di impressione”.

L’autrice ci racconta come sono nate le sue poesie . “Ogni memoria mi ha portato al suo posto, nel preciso angolo di giardino, in quel luogo particolare dove è cominciata la sua storia”.
Il giardino è la metafora primigenia che vive in ognuno. E’ il luogo magico delle luci e delle ombre, è il mondo seducente dei sentimenti più belli, dei pensieri, dei ricordi, dei segreti.
I versi dell’autrice sono delicati come ali di farfalle e luminosi come quelle delle lucciole. Il giardino è popolato di piccoli animali e le parole si sfogliano al vento come petali di rose.

Un paesaggio idilliaco come quello delle fiabe incantate, ma guardando bene tra i rami e le piante, osservando meglio nella terra nera si trovano impastati altri umori. Sono pensieri profondi, malinconici, di quelli che fanno i conti con la vita e lasciano spazio anche al rammarico, al dolore.  La poesia di Erika non è pace casalinga e piaceri botanici ma stratificazioni complesse rese leggere e chiare dalla sua capacità sensibile di trasformare in colori tenui anche i pensieri più duri. Nelle ombre del giardino prendono forma figure che avanzano e si lasciano riconoscere in pochi tratti. Il figlio cresciuto all’improvviso nella sua giacca perfetta, la madre scarmigliata in bicicletta, sempre giovane e luminosa nella sua apparizione, e sempre lei nel momento della nascita insieme alla zia e alla Madre divina. Il padre, che come nel figlio trova la parola “rabbia”. E la passione per l’uomo amato, il disincanto e lo sperdimento, l’amica di matita… tutti giungono nel giardino a farle visita, nel suo microcosmo personale pieno zeppo di ricordi e di pensieri. Talvolta dal giardino qualcuno fugge per afferrare un attimo di libertà, come la cagnolina Matilde, un episodio apparentemente banale che nella poesia dischiude altri significati e diventa mito. Un giardino che tuttavia non rimane sempre chiuso nella sua perfezione addomesticata di piante, alberi e fiori ma che talvolta si apre e lascia irrompere il mare libero, perfetto, che contiene ogni presenza e dimostra la grandezza di Dio. 

La poesia di Erika Sartori mostra ciò che vorremmo essere e come vorremmo vivere, accettando la vita con tutte le sue contraddizioni, e viverla così, in modo delicato, come passeggiando in un bellissimo giardino, attraverso le stagioni, e curare attentamente ogni pianta, accompagnarla e attendere che ogni fiore sbocci.

Erika Sartori è nata a Bolzano, vive e lavora come counselor naturopatico a Roma. Ha pubblicato vari libri di poesie: “Tra il pensiero e lo sguardo”, “Ho chiesto al vento”, “Poesie scelte”, “La spiaggia del tempo”, “Il tempo cambia”.

MARIA MILVIA MORCIANO
tags
Foto (1)

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter