Sabato, 24 Agosto 2019 (S. Bartolomeo patrono di Benevento)

Sei in: Rubrica Anniversari » “NIVOLA, SATTA E SIOTTO: L’ULTIMO TAGLIAPIETRE".

  • mail

“NIVOLA, SATTA E SIOTTO: L’ULTIMO TAGLIAPIETRE".

A Nuoro manifestazioni per i 150 anni dalla morte del poeta Sebastiano Satta

01/09/2017, 15:58

Nell’ambito delle Celebrazioni organizzate dal Comune di Nuoro per i 150 anni dalla dipartita dell’avvocato e poeta Sebastiano Satta e dei 50 anni trascorsi dall’edificazione della piazza a lui dedicata dal Maestro Costantino Nivola, venerdì 1° settembre alle ore 20:30, video proiezione della docu-intervista titolata: “Nivola, Satta e Siotto: L’ultimo tagliapietre”, durata 11 minuti, ideazione e direzione di Graziano Siotto Jr. e collaborazione della “Fox Production” di Andrea Mariane.

Quando, nell’ottobre del 1966, Nivola ricevette l’incarico di costruzione della piazza Satta, volle avvalersi delle maestranze locali. Tra questi secaprederis nuoresi, tagliapietre, l’allora poco più che trentenne Graziano Siotto.

La docu-intervista, ideata, scritta e diretta dal nipote omonimo, pone il focus su alcuni aspetti della vita di un operaio nuorese che ha contribuito, in prima persona, alla crescita urbana di Nuoro. Dalle cave di granito di “Sa ‘e sos Frores”, sull’Ortobene, dove i nuoresi vivevano da sfollati durante la Seconda Guerra Mondiale alla costruzione dell’asilo e della Scuola Elementare di Lollove, dall’utilizzo delle mine annunciate dal suono della tromba, che ancora conserva dall'età di 14 anni, alla costruzione della Chiesa delle Grazie del 1956 per arrivare poi, dieci anni dopo, all’incontro con il maestro Nivola.

Le fasi di costruzione della piazza, la scelta dei grandi massi sull’Ortobene, l’amicizia con mastru Cicciu Guccini, Tarcisio Balloi, il geometra Diana, l’impresa Corona, si alternano ad aneddoti di vita e lavoro sino alla “grande proposta” che Costantino Nivola fece a Graziano Siotto. Operaio da otto mestieri diversi, decide di trasformare la sua professione in arte scultorea, con centinaia di opere in pietra, tra Dee Mater, Maternità, fontane taurine, soli e simboli che adornano case ed istituti privati, sardi e non solo. Quelle che a Dolores Turchi fecero dire: “Lei ha la mano più felice di Nivola”.

L’appuntamento è per venerdì 1° settembre dalle ore 18:00 presso la piazza Satta con il giornalista Luca Urgu e: "I testimoni del passato", interviste all'ex Sindaco Gonario Gianoglio, Gian Paolo Mele Corriga e Tarcisio Balloi.

PROIEZIONI H. 20:30: "Il nome delle pietre - Nicola Porcu racconta piazza Satta" di Alessandra Corrias; "Nivola, Satta e Siotto: l'ultimo tagliapietre" di Graziano Siotto.

Info e programma completo qui: http://www.comune.nuoro.it/…/Sebastiano_Satta_e_la_sua_piaz

Credits to: Organizers: Comune di Nuoro - Assessorato alla Cultura Sebastian Cocco; Regione Autonoma della Sardegna; Fondazione di Sardegna; Consorzio per la Pubblica Lettura S. Satta; UniNuoro;

Photo: Ilisso Edizioni Nuoro - Archivio Hans Namuth New York - Oliviero Nioi di Olzai;

Shooting and video editing: "FOX Production" di Mariane Andrea;

Music: “Jeux D'enfants”- Cirque du Soleil - "Non potho reposare” – Andrea Parodi.

#piazzasatta50 #culture #sardinia #nuoro #nivola #satta #siotto

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter