Sabato, 07 Dicembre 2019 (S. Ambrogio vescovo)

Sei in: News » Attualità » La Poesia "la più bella lettera d'amore che la vita ci scrive"

  • mail

La Poesia "la più bella lettera d'amore che la vita ci scrive"

Discorso pronunciato da Paola Lucarini in occasione della Laurea Apollinaris Poetica 2014

02/05/2014, 12:04 | Attualità
Paola Lucarini decanta una poesia

Con grande emozione rivolgo il mio grazie al Rettore Magnifico, al Vicerettore dell'Università Pontificia Salesiana, al Preside di Facoltà, al Presidente e ai Membri dell'autorevole Giuria.
Sono felice e onorata per il prestigioso riconoscimento, Laurea Apollinaris Poetica 2014 , che ritengo di non meritare ma al contempo sento di non demeritare del tutto, considerando l'impegno e la passione che mi hanno animato nell'opera di promozione e diffusione della nostra letteratura in Italia e all'estero.
Ognuno ha il suo passo di danza segreto per avvicinarsi al mondo della scrittura, in me la vocazione si è rivelata fin dall'infanzia, quando ascoltavo con profonda commozione i miei familiari, i quali facevano a gara nel declamare i loro versi.
Già allora dicevo che la Poesia è la più bella lettera d'amore che la vita ci scrive.
L'attenzione nei confronti della Poesia denota un'intenzione d'amore ed esiste un'effettiva reciprocità nell'incontro, la creatività degli altri stimola e feconda la nostra personale.
Ritrovarsi negli altri è trovare se stesso.
Lo conferma con chiarezza Ko Un quando dice: "la poesia ci fa poeti, la poesia fa diventare poeta chi l'ascolta" ma, a nostra volta, non dobbiamo considerare la scrittura uno specchio nel quale vedere solo noi stessi, quanto piuttosto una finestra attraverso la quale vedere gli altri.
Nel dono della poesia è inscritto un convinto sì alla vita e all'accoglienza gioiosa degli incontri interpersonali che ne conseguono.
Essi dilatano l'anima a dismisura rispetto ai consueti limiti di chi si chiude in se stesso, senza attingere dalla sorgente viva, cosmica, l'energia spirituale che flusice, comunica, tesse reti imprevedibili di relazioni.
Ereditando il patrimonio letterario di tanti Maestri che ci hanno preceduto, l'anima cresce
-non finirà mai di crescere- a contatto e in colloquio con la spiritualità dei Grandi, il nostro è tempo di gratitudine nei loro confronti.
Anche quando dimentichiamo di aver attinto al prezioso fondo di memorie, tuttavia esse provvidenzialmente continuano ad operare in noi affinando sensibilità e "intelletto d'amore" (Dante).
Confesso che talvolta ho l'impressione di non essere io a scrivere, piuttosto di essere scritta, per cui accolgo l'ispirazione con un sorriso di riconoscenza.
La gratuità del dono deve donarsi a sua volta, è questo il nostro compito nell'opera del mondo.
A ogni vocazione deve corrispondere un senso di responsablità che la destina al bene di tutti. Afferma Sofocle: " L'opera umana più bella è essere utile al prossimo".
Attraverso i talenti personali ci disponiamo a contribuire al disegno sapiente della mano che guida dall'alto ogni nostro gesto,ubbidiente alla chiamata.
A tale proposito non mi sembra senza significato l'incontro che stiamo vivendo, alla luce eloquente di tre segni: domani si festeggierà la Giornata mondiale della Poesia, l'inizio della Primavera, tempo che favorisce nuovi progetti, e proprio nel 2014 ricorre il 25° anno di vita della vostra Istituzione.
Queste speciali ricorrenze mi orientano verso una speranza- sarebbe bello (dopo le mie opere dedicate a S.Caterina da Siena e Maria di Magdala) se potessi ricevere, come una benedizione, ali per volare nel cielo d'anima di un Santo a tutti noi caro, Don Bosco.
Proverò a chiedere questo dono. Grazie.

 

MOTIVAZIONE per la Laurea Apollinaris Poetica 2014 a Paola Lucarini

Con Paola Lucarini Poggi la Laurea Apollinaris poetica 2014 premia l’impegno assiduo e profondo di una scrittrice i cui versi testimoniano ricerca interiore e originalità di stilemi.
La sua opera è infatti scaturita da una tradizione toscana che pur affondando le radici nel secondo ermetismo del riconosciuto Maestro Mario Luzi, ha sviluppato negli anni una poetica personale che da un tratto autobiografico di scavo memoriale e sentimentale, si è dilatata per ospitare il mistero dell’Assoluto.
La poesia di Paola Lucarini Poggi ha affrontato con serena limpidezza i temi più intimi e coinvolgenti di una fede dichiarata senza ombre.
Il suo verso si rarefa e si condensa nel silenzio della riflessione. Così ha atteso molti anni per riemergere dalla profondità di un dialogo interiore ininterrotto, in cui Maria con la sua umanità diventa simbolo della presenza misericordiosa dell’Amore che salva.
L’ultimo libro, Per visioni d’Anima, esemplato dallo stesso titolo, è una continua metafora di come attraverso vetri, specchi d’acqua, trasparenza di cieli e di nubi, il vissuto poetico possa trascendere la realtà, boschi e zolle, affinché “il torrente scorra nella pace verso la luce”. 
Paola Lucarini Poggi è presente nel mondo della cultura nazionale ed internazionale anche con la sua associazione “Sguardo e sogno” e l’impegno nel direttivo del Pen club italiano e dell’Unione Cattolica Artisti Italiani, crea convergenze perché “Ognuno di noi fluisca/alla propria vocazione/e tutti insieme verso la coralità/dell’unico nome che ci chiama/alla luce della risposta, nell’unità”. 
 

Paola Lucarini
tags
Foto (1)
Paola Lucarini (al centro) con la Giuria del Premio Laurea Apollinaris Poetica 2014

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter