Venerdì, 19 Gennaio 2018 (S. Mario martire)

Sei in: News » Arte e Cultura » "In viaggio con Benjamin - verso la sperdutezza", un romanzo dalla Repubblica Ceca

  • mail

"In viaggio con Benjamin - verso la sperdutezza", un romanzo dalla Repubblica Ceca

Bonfirraro editore accoglie il grande intellettuale Martin Vopěnka che inaugura la collana di narrativa straniera

13/12/2017, 16:13 | Arte e Cultura
Martin Vopěnka

Dalla Repubblica Ceca alla Sicilia: uno dei più grandi intellettuali praghesi arriva a  Bonfirraro editore, inaugurando così la nuova linea di narrativa estera della casa editrice che porta a casa un nome altisonante del panorama letterario contemporaneo.

Si sta parlando di Martin Vopěnka, – figlio di uno degli ultimi ministri della Pubblica Istruzione - scrittore e proprietario della casa editrice Prah, penna feconda alla quale si devono ben quindici romanzi balzati sempre ai primi posti in classifica. Notissimi al pubblico ceco, infatti, la trilogia per i giovani “Sleeping City” , “Sleeping Justice” e “Sleeping Secret” e l’ultimo romanzo distopico “The New Planet”, Vopěnka approda nell’ambiente editoriale italiano con il suo scritto d’esordio “In viaggio con Benjamin”, un romanzo potente, graffiante, di sentimento, che insegna l’ineluttabilità della nostra esistenza costringendoci a riflettere e a scegliere tra la ricerca di senso o l’oblio. Pubblicato a Praga nel 1989, con il titolo di “Pietre della Montagna”, i lettori italiani lo troveranno in libreria con la traduzione di Stefano Baldussi a partire dai primi di dicembre.

Un padre, David, e un figlio, Benjamin, orfani della figura femminile che fino ad allora li aveva accompagnati con amore, si ritrovano adesso soli al cospetto del mondo: scaturisce da questo antefatto un vero e proprio percorso esistenziale, avventuroso e periglioso, attraverso vari Paesi europei, progressivamente intimistico, che porterà i protagonisti a “discendere negli inferi”, a perdersi nel labirinto dell’oscurità fino a far loro ritrovare il paradiso del cuore.
Praga, città questa volta per niente magica, è causa di sofferenza. Diventa perciò indispensabile abbandonarla per capire il fondamento della vita, perché essa possa fare le domande giuste, per imparare a risponderle, per confrontare ricordi condivisi e rifondare desideri personali.
il racconto inizia così dalla catena montuosa della Boemia e prosegue per le Alpi austriache. In un nuovo ambiente, tra gli sconosciuti, i due si avvicinano più che mai, fino a toccarsi le anime. Avanzano, attraverso le Dolomiti, verso la costa adriatica e da lì si trasferiscono a Trieste, imbarcandosi per l’isola di Corfù. È qui che David decide di mettere fine radicalmente alla sua vita precedente...

Due i piani sui quali si sviluppa l’intera traccia, l’aspetto intimistico e quello naturale. In Vopěnka, infatti, convivono due anime che traggono linfa in maniera osmotica: se da un lato si avverte forte la sua ispirazione poetica, dall’altro la sua formazione di stampo scientifico, essendosi egli laureato presso la Facoltà di Ingegneria Nucleare e Fisica a Praga, induce il lettore a riflettere sulla perfezione della natura che custodisce un sapere millenario, al quale l’uomo può accedere soltanto rimanendo in ascolto.
“Un piccolo gioiello letterario”, così lo ha più volte definito l’editore Salvo Bonfirraro, da anni in contatto con il suo omologo ceco per aspetti commerciali. «Un giorno, per caso – ci racconta l’editore siciliano – a Martin venne in mente di inviarmi, con una traduzione approssimativa, il suo manoscritto pubblicato ormai tanti anni prima in Repubblica Ceca. Cominciai a sfogliarlo in maniera indolente e mi resi subito conto che si trattasse di un piccolo gioiello letterario: non ho avuto più sonno, ero impaziente di far conoscere anche al pubblico italiano uno dei romanzieri che stanno segnando lo sviluppo della letteratura dell’Est. Nonostante il libro sia stato pubblicato e diffuso nei primi anni Novanta, le sue riflessioni, le sue profondità non possono che parlare ancora all’uomo del terzo millenni».

Un sodalizio molto forte, quello che lega i due editori, suggellato quest’anno dall’incontro avvenuto di persona in occasione del XXX Salone del Libro di Torino: accettando l’invito dell’organizzazione torinese di ospitare un editore straniero, Bonfirraro ha riservato un ampio spazio all’interno del suo stand proprio a Martin Vopěnka, realizzando così il continuo scambio osmotico tra le culture europee, auspicato tra le migliori intellighentiae, come in un’antica repubblica delle lettere.

Foto (1)

Media

stilefashion
viverecongusto
terraecuore

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@portaleletterario.net

facebook twitter